Cuicul archeologia Algeria.jpg

Programmi combinati

In epoca preistoica e durante il periodo romano le frontiere tra gli stati del Nord Africa erano decisamente diverse da quelle che sono oggi: l'epoca preistorica è caratterizzata da una cultura e da caratteristiche comuni a vari paesi del Maghreb, Algeria e Tunisia in primis. Se si pensa al regno Numida o all'impero Romano, diventa difficile non prendere in considerazione il territorio che dall'Algeria si estende alla Tunisia, così come per l'epoca bizantina e poi, più tardi,  la conquista araba. Ecco da dove nasce l'intento di dimenticare almeno culturalmente, le frontiere che oggi dividono il Maghreb. Vogliamo quindi proporvi un filo conduttore, che sia il megalitismo preistorico, o la cultura romana, che vi porterà alla scoperta del territorio della Tunisia e della limistrofa Algeria.

 L'Algeria è un paese dal fascino inaspettato che non dimenticherete tanto facilmente, inavvicinabile per decenni ai viaggiatori, questa nazione oggi dimostra  una notevole, se pure faticosa, capacità di recupero e candidandosi come una delle mete più interessanti e preferite del Nord Africa. Come tutti i paesi che si affacciano sulla sponda meridionale del Mediterraneo, l'Algeria ha due punti di forza, ossia le vestigia romane e gli spettacolari paesaggi del Sahara. Patria di Apuleio e di Sant Agostino, ma anche territorio di una cultura megalitica che non ha eguali nemmeno in Europa per numero di monumenti, roccaforte della cultura berbera, l'Algeria si presta ad essere il proseguo o l'inizio di un viaggio che ha come minimo comune denominatore caratteristiche comuni con la Tunisia. Allora perchè accontentarsi?