Tuburbo Majus Tunisia
GRAN TOUR DELLA TUNISIA

15 giorni / 14 notti

1° giorno – TUNISI
Arrivo all'aeroporto di Tunisi-Cartagine, assistenza ed incontro con la guida locale, transferimento In hotel 4 *, cena e pernottamento.

2° giorno – TUNISI / UTICA / BULLA REGIA / CHEMTOU / TABARKA – Km. 280
Prima colazione e partenza per Utica, prima colonia fenicia, che dopo la conquista romana divenne il capoluogo della provincia dell'Africa Vetus.Visita delle 4 ville : della Cascata, del Tesoro, dei Capitelli Istoriati, della Caccia e del museo che conserva i resti della necropoli punica. Proseguimento per Bulla Regia, antica città romana elevata al rango di colonia sotto Adriano (117-118). Visita ai numerosi monumenti ed in particolare ai quartieri della città sotterranea, esempio unico di architettura. A pochi chilometri da Bulla Regia, visita di Chemtou, antica cava di marmo già all'epoca numida che conobbe una grande prosperità quando fu eletta colonia romana nel 27 d.C. Il marmo giallo e rosa che si estraeva dalle cave dell'antica Simmithus era noto ed esportato in tutto il bacino mediterraneo. Visita al sito archeologico : grandi Terme, Teatro, Basilica ecc.. e l'interessante Museo. Nel 1993 durante gli scavi effettuati per la costruzione del Museo è stata rinvenuta una giara in terracotta contentente 1648 monete d'oro dal peso totale di 7 kg. Proseguimento per Tabarka, cena e pernottamento in hotel 4 *.

3° giorno – TABARKA / DOUGGA / MAKTAR / KAIROUAN – Km. 360
Prima colazione e partenza per Dougga per la visita alle importanti rovine dell'antica Thugga che sono fra le meglio conservate del Magreb. Proseguimento per Maktar, antica Mactaris che fu promossa al rango di colonia nel 180 da Marco Aurelio. Oggi le sue rovine sono fra le più interessanti della Tunisia; oltre ai molteplici monumenti, una "Scola" e diverse Basiliche Cristiane. Dopo la visita partenza per Kairouan, cena e pernottamento all'hotel Kasbah (5 *).

4° giorno – KAIROUAN / SBEITLA / KASSERINE / TELEPTE / TOZEUR – Km. 345
Prima colazione e visita ai monumenti islamici di Kairouan, la Grande Moschea, il Mausoleo del Barbiere, i bacini degli Aglabiti. Partenza per Sbeitla per la visita dell'antica Sufetula, di cui restano importanti vestigia Proseguimento per Kasserine, antica Cillium, le cui rovine occupano il versante di una collina; il monumento più importante è il Mausoleo dei Flavii sulla cui facciata principale è inciso un poema di 110 versi in onore a Flavio Secondo. Proseguimento verso Gafsa e Tozeur, a 30 km. circa dopo Kasserine, si incontra il villaggio di Thelepte, dove per più d'un chilometro, si estendono delle rovine confuse di una "vecchia città che raggiunse la sua importanza in particolare in epoca cristiana poiché fu la patria di San Fulgenzo (467-532). In serata, arrivo a Tozeur, antica Thuzuros, cena e pernottamento in hotel 4 *.

5° giorno – TOZEUR / GOLE DI SELJA / MIDES / TAMERZA / CHEBIKA /TOZEUR – Km. 190
Dopo la prima colazione, partenza per Metlaoui, imbarco sul Lezard Rouge, treno di epoca coloniale usato dal Bey, per un'interessante escursione alle Gole di Selja, formazioni di rocce fantastiche dalle parreti a picco. Nei pressi di Redeyef proseguimento in fuoristrada climatizzate per la visita alle suggestive oasi di montagna sulle pendici della catena del Jebel en-Negueb. I tre villaggi esistevano già in epoca numida e facevano parte della linea difensiva nota come Limes Tripolitanus. Mides : antica Madès, il vecchio villaggio abbandonato sembra come sospeso su profondi canyon a pareti verticali che lo circondano dai tre lati. Tamerza : antica Ad Thurres, che trae le proprie risorse idriche da una sorgente presso il vecchio e suggestivo villaggio abbandonato, i datteri prodotti dal palmeto sono fra i più buoni di tuttta laTunisia. Chebika : antica Ad Speculum romana, situata sulle pendici del versante meridionale della catena montuosa ed affacciata sul chott el-Gharsa. L'oasi ha origine dallo wadi Khanga, che si insinua attraverso una profonda gola in cui scorre un torrente ricco di laghetti e cascatelle. Rientro in albergo a Tozeur, cena e pernottamento. In serata visita al museo etnologico di Dar Cherait.

6° giorno – TOZEUR / NEFTA / CHOTT EL JERID / DOUZ - Km. 170
Dopo la prima colazione, partenza per Nefta, rigogliosa oasi che conta più di 400.000 palme irrigata da 150 sorgenti. Famosa la sua "Corbeille" profondo avvallamento pieno di palme. Ritorno a Tozeur, visita della Medina e partenza per l'attraversamento del grande lago salato Chott El Jerid (Lacus Tritoni), il più grande della Tunisia. La sua superficie è coperta da incrostazioni di sale dai riflessi bianchi, azzurri e rosa che con i riflessi del sole provocano lo strano fenomeno dei miraggi. Breve sosta sul lago salato e proseguimento per Kebili, importante oasi alimentata da una sorgente di acqua calda, capo-luogo del governorato e principale centro amministrativo del paese dei Nefzaoua Arrivo a Douz, chiamata anche la porta del deserto, questa grande oasi era il punto d'incontro dei carovanieri che attraversavano il deserto. Possibilità di una passeggiata facoltativa a dorso di dromedario sulle dune del Sahara. Cena e pernottamento in hotel 4 *.

7° giorno – DOUZ / MATMATA / MEDENINE / TATAOUINE – Km. 220
Prima colazione e partenza alla volta di Matmata, con breve sosta al villaggio berbero di Tamezret, da cui si puo' ammirare uno splendido panorama Arrivo a Matmata, villaggio troglodita le cui abitazioni scavate nel tufo danno al paesaggio un aspetto decisamente lunare. Visita ad un'abitazione e proseguimento per Medenine, dove si potranno visitare les Ghorfas, antichi granai berberi, strette camere rettangolari sovrapposte che durante le scorrerie di tribù nemiche servivano anche come abitazioni. Partenza per Tataouine, cena e pernottamento all'hotel SANGHO (3 *) o similare.

8° giorno – TATAOUINE / KSAR GHILANE / DOUIRET / CHENINI / TATAOUINE – Km. 230
Prima colazione e partenza in fuoristrada per un'escursione nel cuore del deserto. Attraverso piste desertiche si raggiunge l'oasi di Ksar Ghilane; circondata dalle dune del Grande Erg orientale, questa oasi sorprende per l'abbondanza di tamarischi abitati da una moltitudine d'uccelli. I suoi giardini sono alimentati da una sorgente d'acqua termale. A circa 2 km. dall'oasi si potrà visitare un fortino d'epoca romana che faceva parte del Limes Tripolitanus ed utilizzato in seguito, dalla legione straniera. Su di un muro è ancora visibile la scritta "JOV OPT MAX VIC" (Jovis Optimo Maximo Victori). Ritorno a Tataouine con sosta per la visita di Douiret, villaggio berbero dominato da uno Ksar e da un gruppo di Ghorfas sulla sommità di un lungo sperone di roccia. Proseguimento per una breve visita a Chenini, altro affascinante villaggio berbero arroccato su una serie di terrazze ricavate sul fianco della collina. Cena e pernottamento all'hotel Sangho (3 *) o similare.

9° giorno – TATAOUINE / KSAR OULED SOLTANE / GUERMESSA / GIGHTIS / ZARZIS – Km. 220
Dopo la prima colazione partenza per la visita a Ksar Ouled Soltane, che vanta les Ghorfas più belle del sud tunisino. I granai si dividono attorno a due cortili e le stanze sovrapposte raggiungono i 4 piani. Ritorno a Tataouine per partire alla volta di Guermessa, il sito dal paesaggio selvaggio, è uno dei più belli della regione. Proseguimento per Gightis, visita delle rovine. Probabilmente fondata dai Fenici, fece parte, all'epoca cartaginese, di questa catena di colonie, emporias, sparse sul coste della grande e della piccola Syrte. La sua posizione in fondo al golfo quasi chiuso di Bou Grara, assicurava un'ottima sicurezza alla flotta Cartaginese ed essendo situata sulla via che univa Cartagine a Leptis Magna, fu uno dei principali fattori del suo sviluppo. Nel 46 a. C. Cesare l'integro' all'Africa Nova. Le rovine oggi esistenti sono sparse su una superficie di circa 50 ha e sono danneggiate dal vento e dalle intemperie : Terme, Foro, Tempio dedicato a Liber Pater (Bacco), mercato. Continuazione per Zarzis, cena e pernottamento all'hotel ODYSSEE (4 *).

9° giorno – TATAOUINE / KSAR OULED SOLTANE / GUERMESSA / GIGHTIS / ZARZIS – Km. 220
Dopo la prima colazione partenza per la visita a Ksar Ouled Soltane, che vanta les Ghorfas più belle del sud tunisino. I granai si dividono attorno a due cortili e le stanze sovrapposte raggiungono i 4 piani. Ritorno a Tataouine per partire alla volta di Guermessa, il sito dal paesaggio selvaggio, è uno dei più belli della regione. Proseguimento per Gightis, visita delle rovine. Probabilmente fondata dai Fenici, fece parte, all'epoca cartaginese, di questa catena di colonie, emporias, sparse sul coste della grande e della piccola Syrte. La sua posizione in fondo al golfo quasi chiuso di Bou Grara, assicurava un'ottima sicurezza alla flotta Cartaginese ed essendo situata sulla via che univa Cartagine a Leptis Magna, fu uno dei principali fattori del suo sviluppo. Nel 46 a. C. Cesare l'integro' all'Africa Nova. Le rovine oggi esistenti sono sparse su una superficie di circa 50 ha e sono danneggiate dal vento e dalle intemperie : Terme, Foro, Tempio dedicato a Liber Pater (Bacco), mercato. Continuazione per Zarzis, cena e pernottamento all'hotel ODYSSEE (4 *).

10° giorno – ZARZIS / JERBA / SFAX – Km. 290
Prima colazione e partenza per la visita dell'isola di Jerba, o isola dei Lotofagi, la cui bellezza dopo Omero, non ha cessato d'essere decantata dai poeti. Si raggiunge l'isola attraverso l'antica carreggiata romana d'El Kantara. Houmt Souk, principale centro commerciale e amministrativo dell'isola. Visita ai pittoreschi souk e al Borj El Kebir, antica fortezza costruita nel XV s. dal sultano Abou Farès el Hafsi e rinforzata nel 1557 dal corsaro Dragut. Er-Riadh, più conosciuta sotto il nome di Hara Seghira. La tradizione locale fa risalire l'arrivo dei primi emigranti ebrei dopo la distruzione di Gerusalemme da Nabucodonossor (586 a. C.). Altri sostengono che vennero nel 1° secolo, dopo la presa di Gerusalemme da Tito nel 71. Si potrà visitare la Synagoga detta "La Ghriba", dove è conservata una delle più antiche Tora ed è luogo tutt'ora di pellegrinaggio di ebrei che vengono da tutte la parti del mondo. Guellala nota per le sue ceramiche e vasi d'argilla. Ritorno sul continente con il traghetto che fa servizio dall'isola alla terra ferma da Ajim. Proseguimento per Sfax, con sosta per visitare il mercato delle spezie di Gabes. Arrivo a Sfax, seconda città della Tunisia ed antica Taparura, di cui esistono solo vaghe vestigia poiché il materiale servi' alla costruzione delle imponenti mura della Kasbah e della Moschea. Cena e pernottamento in hotel 4 *.

11° giorno – SFAX / EL JEM / MAHDIA / SOUSSE – Km. 170
Prima colazione e visita al Museo di Sfax dove si potrà ammirare un'importante collezione di mosaici romani rinvenuti a Sfax e dintorni. Partenza alla volta di El Jem. Visita al museo che conserva dei magnifici pavimenti di mosaico provenienti dalla regione, l'edificio stesso è la ricostruzione di una villa romana scoperta sul sito dell'antica Thysdrus. Visita, inoltre, al magnifico anfiteatro romano, tipo colosseo, il più grande di tutta l'Africa. Proseguimento per Mahdia; fondata nel X s. dai Fatimidi, divenne la seconda capitale della Ifriqya. Da vedere l'imponente Skifa El Kahla che da accesso alla città vecchia ed il magico cimitero marino che si estende da una riva all'altra del promontorio ed è dominato dall'imponente fortezza fondata nel XVI° secolo e costruito sulle rovine del palazzo di Obeïd Allah El Mahdi, fondatore di Mahdia.

12° giorno – SFAX / EL JEM / MAHDIA / SOUSSE – Km. 170
Prima colazione e visita al Museo di Sfax dove si potrà ammirare un'importante collezione di mosaici romani rinvenuti a Sfax e dintorni. Partenza alla volta di El Jem. Visita al museo che conserva dei magnifici pavimenti di mosaico provenienti dalla regione, l'edificio stesso è la ricostruzione di una villa romana scoperta sul sito dell'antica Thysdrus. Visita, inoltre, al magnifico anfiteatro romano, tipo colosseo, il più grande di tutta l'Africa. Proseguimento per Mahdia; fondata nel X s. dai Fatimidi, divenne la seconda capitale della Ifriqya. Da vedere l'imponente Skifa El Kahla che da accesso alla città vecchia ed il magico cimitero marino che si estende da una riva all'altra del promontorio ed è dominato dall'imponente fortezza fondata nel XVI° secolo e costruito sulle rovine del palazzo di Obeïd Allah El Mahdi, fondatore di Mahdia. Continuazione per Sousse e Port El Kantaoui, cena e pernottamento in hotel 5 *.

13° giorno – HAMMAMET / KERKOUAN / TUNISI – Km. 200
Prima colazione e partenza alla volta di Kerkouan, via Nabeul e Kelibia. Arrivo a Kerkouan, città punica che fu fondata probabilmente nel V s.a.C. e abbandonata in seguito durante la prima guerra punica. Interessanti le abitazioni dotate ciascuna di una stanza da bagno individuale e provvista di "vasca su zoccoli" di tipo greco. Partenza per Tunisi , cena e pernottamento in hote 4*.

14° giorno – MUSEO DEL BARDO / CARTAGINE / SIDI BOU SAID – Km. 60
Dopo la prima colazione, visita al Museo Nazionale del Bardo, noto per la bellissima collezione di mosaici romani, una delle più importanti del mondo. Visita della Medina di Tunisi con i suoi coloratissimi Souk. Proseguimento per Cartagine, visita delle rovine : il Teatro, l'Anfiteatro, il Museo e le vestigia della collina della Byrsa, le Terme di Antonino, i Porti Punici ed il Tophet. Continuazione e visita al tipico villaggio di architettura arabo-moresca di Sidi Bou Said. Rientro in albergo a Tunisi, cena in ristorante tipico nella Medina di Tunis, pernottamento.

15° giorno – MUSEO DEL BARDO / CARTAGINE / SIDI BOU SAID – Km. 60
Dopo la prima colazione, trasferimento in aeroporto, assistenza per le formalità d'imbarco e partenza.